Il velo sul reale: Philip K. Dick

Il mai sopito interesse verso l’originale opera di Philip K. Dick, quest’anno è stato risvegliato dall’ahimè deludente remake di Blade Runner e da un serie tv nuova di zecca  disponibile su Amazon Prime Elecric Dreams, la quale si affianca al un’altra serie già culto tratta da un romanzo di Philip K. Dick: The Man in the High Castle, e titolo di punta del canale streaming della casa di Jeff Bezos. Nel quadro di questa attenzione mediatica verso lo scrittore californiano, segnalo il saggio dell’amico Marco Giampetruzzi Il velo sul reale. Temi e personaggi della narrativa di Philip K. Dick.

Come il titolo lascia intendere, il volume si propone come un’agile introduzione all’opera di Philip K. Dick che – seppure inserita idealmente nel quadro della narrativa di fantascienza degli anni 50-70 – si  caratterizza per un approccio poco ortodosso al genere sia per la tematiche trattate che per lo stile di scrittura più vicino alla narrativa postmoderna che a quello ingenuo e a volte grossolano dei suoi colleghi scrittori di science fiction. Sfogliando il testo, veniamo introdotti ai molteplici e variegati interessi dello scrittore americano che affiorano nella sua rutilante e prolifica opera: la sottile e tormentosa differenza tra mondo reale e gli angosciosi e sfaccettati mondi creati dalla follia; da stati alterati del realtà, frutto dell’assunzione di droghe o dell’azione di malvagi demiurghi che improgionano gli sfortunati antieroi dickiani in incubi senza fine poco importa; l’essere umano (che non deve necessariamente appartenere alla razza umana per esser tale) e la sua solidale empatia e l’androide – sua gelida controparte – sia esso essere artificiale oppure umano privato dell’umanità dalla schizofrenia; la religione come espressione dell’agape universale o empatia che lega gli esseri umani tramite la consapevolezza della sofferenza comune; e poi le figure femminili, vittime della volontà di potere senza fine di imprenditori di successo pacchiani e ignoranti, oppure artefici del proprio destino attraverso l’arte o la conoscenza. Sono alcuni dei tanti temi che emergono da questo piccolo saggio di cui vi consiglio la lettura. Peccato solo per il prezzo di copertina, un po’ alto, che scoraggerà la gran parte dei lettori (ma nelle librerie online è possibile reperire il testo a prezzo scontato).

Per chi volesse acquistarlo:

https://www.ibs.it/velo-sul-reale-lettura-dell-libro-marco-giampetruzzi/e/9788898697373?inventoryId=49254354

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s